W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Una principessa a metà, ovvero la storia del viaggio ad Ombrosia

“Selezione PREMIO SCENARIOinfanzia 2012”

Testo di Raffaele Parisi e Marianita Carfora

Musiche Raffaele Parisi e Valeria Berdini

Coreografie Federica Altamura

Scene, costumi e disegni Francesco Esposito

Regia Pino L’Abbate

Con

Federica Altamura, Marianita Carfora, Raffaele Parisi, Valeria Berdini.

liberamente ispirato alla trilogia araldica “I Nostri Antenati” di I. Calvino

Potremmo narrarvi di orchi e leggende,

di draghi a tre teste, di streghe, di amori.

Ma tra le imprese che noi conosciamo

una tra mille vi raccontiamo:

la fantastica storia di una principessa

che persa l’ombra e la sua identità

per ritrovare di nuovo se stessa

partì alla ricerca dell’altra sua metà…”

Protagonista è la principessa del Regno della Terra che, colpevole di aver regnato pensando solo al denaro, perde la sua ombra. Stanca del suo comportamento, questa l’abbandona per sempre e fonda con le altre ombre il Regno di Ombrosia.

Due cantastorie accompagnano la nostra “eroina negativa” in un viaggio avventuroso alla ricerca della sua ombra perduta.

Giunta ai cancelli di Ombrosia, incontra la Luna nelle vesti di custode del regno che le darà la possibilità di scegliere se proseguire oppure no il suo viaggio. Varcato il confine, la principessa incontrerà le ombre dei personaggi calviniani che di volta in volta l’aiuteranno a trovare la strada per riappropriarsi dei propri ricordi, del passato, della propria identità.

L’azione scenica si avvale di musica dal vivo e dell’utilizzo di tavoli carrellati e proiettabili, che assumeranno diverse funzioni: attraverso proiezioni di immagini e sagome, le facce dei tavoli si trasformeranno ogni volta in scenari e oggetti diversi, accompagnando gli attori e il pubblico in un viaggio tra luce ed ombra, tra sogno e realtà, nel mondo sconosciuto di Ombrosia.

La nostra vita può essere considerata alla stregua di un’impresa eroica, di un viaggio appunto, che ha come scopo quello di incontrare, conoscere e integrare tutte le nostre parti mancanti, la nostra “altra metà”. Perché le ombre sono il nostro potenziale oscuro, sono il “Mondo fuori dalla valigia”, gli sconosciuti che cambieranno i nostri destini, la magia e il mistero dell’imprevisto, dell’inatteso, dell’inspiegabile.(C.G.Jung).

Clicca qui per vedere la scheda tecnica dello spettacolo

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusVisit Us On Youtube